Via Quarenghi, l’attenzione del Comune è sempre alta

viaquarenghi.jpgCon il 31 di gennaio è cessata l'”Ordinanza” in vigore da metà del novembre precedente relativa all’anticipata chiusura dei negozi e dei bar e cessazione del consumo per strada di bevande alcoliche. L’Amministrazione valuta molto positivamente gli effetti dell’ordinanza, che è stata giudicata dal Tribunale pienamente legittima, che è stata apprezzata dai residenti e che è stata rispettata dai commercianti. È stato un segnale forte per invitare tutti al rispetto della legge e dell’ordine. Abbiamo fiducia che il provvedimento, proprio perché severo, sia un forte deterrente per il futuro.  Il progetto via Quarenghi continua però anche e soprattutto con altri interventi.  In tema di “Sicurezza“, è in corso di svolgimento l’accordo con il Comune di Brescia per fornirci rinforzi, anche mediante l’impiego di unità cinofile. Ciò consentirà un utilissimo scambio di esperienze tra città che hanno problemi simili.  Verrà potenziata l’attività di presidio e di controllo da parte della Polizia Locale, anche con l’impiego di uno speciale nucleo, al fine di garantire controlli almeno settimanali della Polizia annonaria nei locali segnalati, in collaborazione con ASL e l’Ispettorato del Lavoro. Non mancheranno constanti controlli per contrastare i fenomeni del sovraffollamento degli alloggi. L’Assessorato alla “Politiche sociali” ha già svolto l’indagine conoscitiva, che ha rivelato una situazione degna di attenzione, ma non irreversibile. Negli ultimi mesi sono stati realizzati 58 interventi di accompagnamento sociale. Presto inizierà un lavoro di prossimità con i commercianti, indagini sui locatori di immobili abitativi, progetti con l’ASL di Bergamo in collaborazione con la Cooperativa di Bessimo e il servizio Esodo del Patronato di Sorisole.  Riguardo al “Civico 33” si è decisa una parziale modificazione della destinazione d’uso, onde evitare che si creino nuove sacche di degrado. Ventidue alloggi verranno destinati a una platea qualificata di anziani, disabili, studenti universitari, appartenenti alla forze dell’ordine. L’altra metà delle unità immobiliari verrà destinata agli uffici comunali e in particolare a quelli dei Lavori pubblici, per garantire una forte e continua presenza di utenti. Il piano terra resterà destinato a sede di attività teatrali, oltre che a uffici del predetto Assessorato aperti al pubblico. Lo spostamento degli uffici comunali libererà immobili di proprietà e canoni di locazione passivi. Il che renderà sostanzialmente neutra dal punto di vista economico l’operazione di cambio di destinazione d’uso. Resta aperto il tavolo di consultazione dei residenti sulle tematiche abitative, il lavoro dell’agenzia per la casa e lo sviluppo del contratto di quartiere. Gli “Interventi di arredo urbano” prevedono la già effettuata rimozione delle fioriere e i previsti interventi di nuova piantumazione della via. L'”Urbanistica” ha un progetto di collaborazione con il corso di Laurea in Architettura del Politecnico di Milano per l’approfondimento delle tematiche di riqualificazione urbana, valorizzazione e riconversione funzionale di un caso pratico di rilievo. In altri termini, il recupero di via Quarenghi come oggetto di studio universitario.  Gli “Interventi di valorizzazione delle attività commerciali e artigianali di tradizione” prevedono, previa concertazione con le categorie economiche, la messa a disposizione di un fondo in denaro per finanziare lavori di recupero e di ammodernamento delle attività commerciali e artigianali più importanti per la gente della via. Si valuterà anche l’applicabilità delle legge regionale che consente di individuare aree di particolare pregio dove l’esercizio del commercio dovrà essere compatibile con il contesto originale dell’area.   Infine, a cura dell’Assessorato all‘Istruzione, sono già in corso “interventi straordinari per il potenziamento dei progetti didattici della scuola del territorio”. Il riferimento è in particolare alla Scuola primaria “Calvi” e alla scuola secondaria “Mazzi”. D’intesa con la dirigenza scolastica, si è puntato a un progetto che tenda a mantenere vivo ed attrattivo sul territorio un presidio socio-educativo che si ritiene fondamentale per il tessuto sociale, innalzando la qualità dell’offerta formativa. Si è deciso quindi di promuovere specifiche attività didattiche che, attraverso metodologie innovative, rendano più attraente l’apprendimento e promuovano il successo formativo, attraverso il sostegno ad alcuni progetti speciali: “Musica insieme” volta a offrire agli alunni una preparazione di base, “Vivi il Teatro” ampliando il percorso teatrale a tutti gli alunni interessati e infine “Attività di strumento” volto a far conoscere e far usare i singoli strumenti musicali.  Dunque un progetto articolato, ampio, che coinvolge davvero tutti gli assessorati e cioè l’intera Amministrazione.  Un obiettivo – via Quarenghi – a cui l’Amministrazione intende dedicare il massimo impegno, d’intesa con i residenti, gli operatori economici interessati e tutti coloro che vorranno dare il loro contributo costruttivo. (BergamoNews,15-2-11)

Via Quarenghi, l’attenzione del Comune è sempre altaultima modifica: 2011-02-17T08:22:00+01:00da leganord.b
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *