Comuni amministrati dalla Lega : Da Seriate l’appello a Monti

Un appello
Saita2.jpgSono Silvana Santisi Saita, Sindaco di Seriate. La mia è una città, confinante con Bergamo, di quasi 25.000 abitanti, con 126 dipendenti e un bilancio di 20 milioni di euro. Mi rivolgo a Lei con questo accorato appello nella speranza che intervenga per porre rimedio alla drammatica situazione che stiamo vivendo come Amministratori locali. Oggi assistiamo al paradosso che i comuni virtuosi non possono spendere i propri soldi per garantire servizi e opere necessarie ai propri cittadini, mentre diversi comuni, province, regioni, Asl, con bilanci disastrati, sembrano poco impegnati ad aggiustare il tiro. Sono consapevole della crisi globale in cui siamo immersi e del difficile impegno che Lei, insieme al Governo, si è assunto rispetto
all’Europa. Sento però il desiderio di urlare forte la mia amarezza nel vedere i miei cittadini in grosse difficoltà e non poter garantire loro, come Amministrazione, i servizi primari, pur avendo le risorse. Il periodo che stiamo vivendo è difficile, sia dal punto di vista amministrativo
(a causa dei forti e assurdi vincoli del Patto di stabilità che penalizza soprattutto noi comuni virtuosi), sia dal punto di vista sociale, basti citare le varie problematiche delle famiglie, le nuove povertà, l’immigrazione e la forte perdita di posti di lavoro. Tutto questo, nella nostra bergamasca, ha determinato una forte crisi con sempre più bisogni e maggiori richieste di aiuto ai servizi sociali dei nostri Comuni.
Risorse sempre più esigue e maggiori competenze
Dallo Stato e dalla Regione, le risorse sono ridotte al lumicino: somme marginali e residuali. A tutto questo si aggiunge un continuo e sistematico passaggio di competenze agli Enti locali senza un corrispettivo passaggio di risorse economiche. A Seriate, con grande responsabilità, lavoriamo con risorse umane limitate tanto da non poter sostituire neppure le maternità. In altri contesti e territori italiani esistono, ancora oggi, enormi quantità di risorse economiche spesso sperperate e un surplus di dipendenti veramente scandaloso.
È una colpa essere in regola?
La nostra Amministrazione ha il torto di essere in regola con i bilanci, compreso quello di previsione per il 2012 già approvato a dicembre (come ogni anno), precisamente il 19/12/2011 senza attendere proroghe, e di non aver sperperato risorse nei tempi passati. Per questo ereditiamo un assestato decisamente inferiore ai bisogni e al numero della popolazione attuale. Questa situazione è abbastanza diffusa nella bergamasca e il Ministro dott.ssa Anna Maria Cancellieri, che ho avuto il piacere di incontrare e apprezzare, conosce bene la
nostra realtà e può confermarlo. Speriamo sempre nel federalismo fiscale e nei prezzi standard o, molto semplicemente, auspichiamo di ricevere risorse in proporzione al numero degli abitanti.
Bilancio sano, ma ermeticamente sigillato
Dunque il nostro bilancio è sano. Abbiamo avuto l’onore di salire sul podio dell’Oscar del bilancio, scelti dall’autorevole commissione presieduta dal prof. Piero Giarda, oggi Ministro. Siamo uno dei tre comuni non capoluogo di provincia, finalisti per il 2011 a livello nazionale e ne siamo orgogliosi. Un riconoscimento che ha confermato l’impegno costante come amministratori e struttura in direzione degli standard di equilibrio, correttezza e trasparenza dei nostri conti. A ciò si aggiunge il mantenimento del miglior rating (classe A) riconosciuto da un’autorevole società la Bureau van Dijk-Aida PA. Abbiamo estinto 55 mutui azzerando quasi il debito dei cittadini, restano solo 11 euro pro capite. Il Ministro Giarda si è complimentato e spero sia un buon mediatore per la mia amministrazione. Tra il 2005 e il 2011 siamo riusciti a concretizzare opere e pagamenti per investimenti di quasi 28 milioni di euro, una media di 4 milioni di euro l’anno che ha visto tutti impegnati per evitare il blocco delle iniziative pur rispettando i vincoli del Patto. Abbiamo garantito per opere eseguite, servizi prestati e beni forniti, pagamenti entro i trenta giorni dalla fatturazione e, visto il panorama generale, ci siamo accreditati come committenti credibili e affidabili. Sono sempre state rispettate le regole di bilancio tra investimenti in conto capitale e spesa corrente, tutti gli indicatori di bilancio sono ampiamente certificati in positivo, viaggiamo con macchine proprie e amministriamo con rigore e onestà.
Trasparenza e semplificazione
La comunicazione istituzionale è visibile ai cittadini sul sito internet (www.comune.seriate.bg.it) dove, per esempio, chiunque può trovare un link nel quale è aggiornata quotidianamente la situazione dei servizi offerti sul territorio e degli appalti delle opere pubbliche: bisogni soddisfatti, importi d’appalto, pagamenti effettuati, stati d’avanzamento dei lavori, solo per citare alcuni esempi. E ciò perché abbiamo voluto rispettare concretamente l’esigenza della trasparenza dei nostri comportamenti nei confronti dei cittadini. Abbiamo semplificato il linguaggio delle delibere, delle determine e della corrispondenza con i cittadini con l’obiettivo di far diventare la burocrazia una risorsa e non un limite.

Comuni amministrati dalla Lega : Da Seriate l’appello a Montiultima modifica: 2012-03-14T14:45:22+01:00da leganord.b
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *