Bergamo Infrastrutture : sistemare i conti.

foti,bergamo-infrastrutture,rugby-bergamo,Ecco una proposta che almeno qualche novità in tema di impianti cittadini potrebbe portarla. Si tratta dell’ipotesi che Bergamo Infrastrutture ha messo sul tavolo della Giunta e che all’inedita organizzazione delle strutture unisce l’obiettivo fondamentale di recuperare il deficit da cui la stessa società rischia di essere schiacciata. Le perdite in capo alla partecipata di Palafrizzoni l’avevano portata nella passata gestione al poco piacevole primato di società più indebitata e con prospettive più che nere per il punto di decadimento raggiunto nel frattempo dagli impianti sportivi in gestione. Poco quindi il margine di manovra in un tempo di crisi come l’attuale e da qui l’esigenza di nuove idee ed iniziative. La novità principale dell’attuale proposta  riguarda l’atletica : in via delle Valli resterebbe l’impianto coperto, che sarà presto inaugurato dopo i necessari interventi, ma trasformando l’area dell’attuale pista esterna in un campo in erba sintetica da adibire al rugby o al calcio; ed in tal caso i costi di gestione di quell’impianto verrebbero azzerati grazie all’affidamento del campo al Rugby Bergamo. Il resto delle attività all’aperto verrebbe trasferita al campo Utili di via Baioni. Qui, oltre al rifacimento dell’anello già esistente, troverebbe spazio un piccolo parco dello sport con tre campi da tennis e calcetto, la palestra e un ristoro collegato alla ciclabile.  I vantaggi?  «L’atletica sbarcherebbe in centro alla città – si legge nel documento –, la pista ciclopedonale diventerebbe ancora più vivibile, mentre le entrate per tennis e calcetto aumenterebbero». E si sfrutterebbero al meglio i necessari investimenti per l’ammodernamento del Campo Utili che dovrebbero rientrare nel “piano ex-Sace” per la volumetria a suo tempo concessa. L’idea di sfruttare un polo sportivo in via Baioni non è nuova; rientrava nelle richieste dell’associazione «Il Mosaico Ambiente» che, con la sua presidente Luisa Pecce, contro le torri della Sace aveva fatto una vera e propria crociata. 
Altri risparmi si potrebbero ottenere (con un investimento però piuttosto ingente – 3,5 milioni di euro –, ma comunque inferiore alle ipotesi di «project financing» finora considerate) alle piscine Italcementi, dove un nuovo impianto di riscaldamento, la copertura della vasca da 50 metri, l’eliminazione di quella da 33 con il contestuale allestimento di un spazio  polifunzionale e di un campo da tennis consentirebbero di ridurre i costi di 200 mila euro, aumentando le entrate di oltre 430 mila euro.  «Si tratta di ipotesi tecniche che richiedono naturalmente l’avallo sul piano politico – spiega il presidente di Bergamo Infrastrutture Mario Foti – ma è chiaro che se vogliamo trovare nuove risorse non possiamo che pensare a una riorganizzazione che porti nuove entrate e all’ottimizzazione dei costi fissi». Il pareggio per Bergamo Infrastrutture sarebbe a portata di mano; un sogno nel cassetto o forse qualcosa di più.

Bergamo Infrastrutture : sistemare i conti.ultima modifica: 2012-10-08T10:56:00+02:00da leganord.b
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *