Stop ai rifiuti speciali. In Regione mozioni Lega anti inceneritore di Dalmine.

rea.jpgLa Lega Nord in Regione Lombardia è decisa a far sul serio per stoppare le attività dell’impianto si smaltimento rifiuti. Il gruppo del Carroccio ha presentato due mozioni (primo firmatario il bergamasco Roberto Pedretti) che, se venissero approvate, metterebbero i bastoni tra le ruote all’attività del’inceneritore. E’ l’ultimo colpo di una battaglia che dura da mesi, con l’apertura della Provincia a bruciare la spazzatura in altri impianti e i rapporti ormai logori con il Comune di Dalmine con il quale è in corso una causa milionaria.
I consiglieri leghisti chiedono la modifica della legge che consente di qualificare “speciali” tutti i rifiuti solidi urbani trattati con un semplice processo meccanico. Grazie a questo stratagemma la Rea nei mesi scorsi ha stipulato contratti per bruciare fino allo scorso giugno 10 mila tonnellate di rifiuti provenienti dalla Campania. Fumo negli occhi per la Lega Nord che ha fin da subito dichiarato di far di tutto pur di impedire l’avanzata della spazzatura dal sud. Le lettere dell’assessore regionale Daniele Belotti e le interpellanze alla Camera non sono servite a modificare la legge. Con la presa di posizione dell’intero Consiglio lombardo il pressing si farebbe più forte. Ma non è finita qui. Il Carroccio chiede anche lo stop di tutte le autorizzazioni di realizzazione e ampliamento di inceneritori in Lombardia in attesa del via libera definitivo al piano di gestione dei rifiuti. In questo caso si chiuderebbe definitivamente la partita sulla terza linea dell’impianto dalminese, negata sia dal Comune e dalla Provincia, ma ancora sul tavolo del Pirellone.

Stop ai rifiuti speciali. In Regione mozioni Lega anti inceneritore di Dalmine.ultima modifica: 2012-08-08T12:07:00+02:00da leganord.b
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *