Bella scoperta : Nel Sole delle Alpi non c’è reato

cividate,sole-alpi,Quel «Sole delle Alpi» disegnato con pietre colorate nella piazza di Cividate al Piano non costituisce abuso d’ufficio. A sostenerlo è, per la seconda volta, il pubblico ministero Franco Bettini, che ha inoltrato al tribunale di Bergamo la richiesta di archiviazione delle indagini sulla condotta del sindaco leghista Luciano Vescovi e dell’amministrazione comunale del Carroccio. 
Sembra volgere al termine, quindi, una querelle iniziata nel 2009. L’amministrazione comunale di allora, con il sindaco Vescovi al primo mandato, aveva ristrutturato piazza Papa Giovanni XXIII, il cuore di Cividate al Piano. Tra i vari lavori di rifinitura era anche spuntato il «Sole delle Alpi», disegnato con pietre incastonate nella pavimentazione. Protesta immediata da parte del comitato costituito ad hoc, «Amici della piazza» ed esposto alla procura della Repubblica.  «È un logo di partito», secondo il comitato. «No, è un simbolo delle nostre tradizioni», secondo il sindaco. Il dibattito nel paese bergamasco ha ripercorso, a tratti, quello di Adro e della scuola padana. Dopo aver analizzato l’esposto del comitato il pubblico ministero Franco Bettini, già a ottobre 2010, aveva optato per la richiesta di archiviazione. Ma a giugno dell’anno scorso il gip Vittorio Masia l’aveva respinta, chiedendo alla procura di approfondire e di verificare se l’Amministrazione comunale non avesse speso soldi pubblici per far realizzare in piazza il «Sole delle Alpi»: una spesa pubblica a scopi politici, che poteva configurare secondo il gip un abuso d’ufficio da parte del primo cittadino. Secondo la procura, però, non c’è stato alcun reato. Il «Sole delle Alpi» non è stato pagato con una spesa ad hoc dell’amministrazione, ma è semplicemente un disegno di pietre rientrato nei costi complessivi di ristrutturazione della piazza. (Corriere -Bergamo 21-3-12)

Bella scoperta : Nel Sole delle Alpi non c’è reatoultima modifica: 2012-03-22T19:36:00+01:00da leganord.b
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *